Eventi, problematiche e dati statistici generali

•   Dal 16 al 18 febbraio in Germania, a Monaco di Baviera, si è svolta la 54a Conferenza internazionale sulla sicurezza. Nel commentare le discussioni, i singoli interventi e le conclusioni dell’autorevole Forum annuale molti giornali russi hanno rivelato, in particolare, una lieve attenuazione del confronto tra la Russia e l’Occidente, rispetto a quello serrato e duro della seconda metà del 2014 e del primo semestre del 2015. Allo stesso tempo, come hanno notato alcuni osservatori politici, attualmente sono sparite anche le aspettative positive legate all’elezione del nuovo presidente degli USA. La Conferenza ha mostrato che “le diverse parti non sono ancora pronte a capire e, forse, condividere le preoccupazioni altrui espresse durante i dibattiti e nei contatti con i mass-media”. D’altro canto molti partecipanti si sono resi conto dell’avvertimento pronunciato dal presidente della conferenza Wolfgang Ischinger: “il mondo si è avvicinato troppo all’orlo dell’abisso”.
  Il Ministro degli Esteri della FR Seghej Lavrov ha smentito per l’ennesima volta tutte le “accuse” contro la Russia, accusata di essere colpevole non solo di “ingerenza” negli affari interni di decine di Stati ma adesso anche dell’enorme afflusso di migranti dal Medio Oriente e dall’Africa verso l’Europa negli ultimi 2 anni. Lavrov ha ribadito che “Mosca è disposta ed è pronta a trovare insieme ai partner occidentali una via d’uscita dall’attuale situazione internazionale molto complessa”.
  Molti corrispondenti hanno evidenziato inoltre che questa volta è diminuito il numero degli oratori che hanno chiesto la rottura di ogni contatto con la Russia, e che molti intervenuti hanno chiamato a ripristinare gradualmente le relazioni reciprocamente vantaggiose con la Federazione Russa. Tale appello è stato confermato negli ultimi mesi da molti fatti, ad esempio, dalla missione d’affari dei rappresentanti di 20 società russe in Austria organizzata dal “Centro russo per le esportazioni” – (Rossijskaja gazeta (RG) del 16.02, pag.3; RG, p.5, Izvestia, pag.3 – link, Kommersant (Kom-t), pag.1 e 6, RBK, pp.2- 3, gli altri quotidiani e il settimanale del 19.02 Expert № 8, pag.33).
•   Gli scienziati russi hanno discusso con i loro colleghi bielorussi su come creare l’economia digitale dello Stato alleato Russia-Bielorussia. Hanno accertato che i due Stati dispongono di molti presupposti per sviluppare le tecnologie d’informazione e di comunicazione, la robotica, ecc. Allo stesso tempo hanno messo in evidenza la necessità di accelerera la costruzione di una base solida per l’ampliamento della robotica: attualmente in tutto il mondo si contano in media 69 robot e in Russia solamente 2 robot per ogni 10 mila lavoratori – (il supplemento “Unione: Russia e Bielorussia” a RG del 15 febbraio, pp.1-2: link).
•   A gennaio di quest’anno, come ha informato il Ministro delle Costruzioni Mikhail Men’, la superficie totale delle nuove abitazioni consegnate ai clienti è aumentata del 9% sullo stesso mese dell’anno scorso: 4,7 mln di metri quadrati contro i 4,3 mln di m.q a gennaio del 2017 – (Kom-t del 16.02, pag.2).
•   Negli ultimi giorni la GosDuma (la Camera bassa dell’Assemblea federale) ha approvato in prima lettura il progetto di legge relativo alla formazione di un nuovo sistema giudiziario: si prevede in particolare la creazione di tribunali distrettuali di cassazione e d’appello.
  La Camera ha approvato inoltre in terza definitiva lettura la legge sull’aumento della remunerazione minima del lavoro fino al minimo di sussitenza. Dal prossimo primo maggio, 8 mesi prima della data fissata dalle autorità federali, la suddetta remunerazione sarà pari al minimo di sussitenza, ovvero a 11.163 rubli – (RG del 19 febbraio, pag.2, e pag.6; il settimanale Profil № 5 del 12.02, pag.14-17).
•   Attualmente oltre 20 banche russe stanno testando un nuovo sistema biometrico unito. È così efficiente che già non ha permesso ai ladri di rubare 3 mld di rubli. A luglio il sistema comincerà a lavorare con i primi progetti pilota – (RG di oggi 20 febbraio, pag.4 – link).

Economia

* Situazione generale:

  Molti giornali di lunedì 19.02 hanno riassunto i risultati del tradizionale Forum panrusso per gli investimenti che ha avuto luogo a Soci il 15-16 febbraio. Hanno messo in rilievo, in particolare, che durante l’assise le autorità e la comunità imprenditoriale hanno concordato di cambiare il sistema fiscale, di semplificare e rendere più snello il controllo del business da parte delle varie strutture statali. Il governo ha deciso inoltre di accelerare lo sviluppo delle infrastrutture in varie parti del Paese. Attualmente non tutte le regioni hanno le risorse finanziarie sufficienti per costruire strade, ponti, centrali termoelettriche e altre opere costose. Perciò il governo ha proposto alle regioni di usufruire delle condizioni della cosiddetta “ipoteca infrastrutturale”: investitori privati finanziano la costruzione e successivamente le regioni gradualmente estingono il loro debito. Le relative proposte concrete saranno elaborate dal Ministero dello Sviluppo Economico – (RG, pag.3, Expert № 8, pag.30-32 – link, e gli altri giornali del 19.02).
  Negli ultimi giorni la stampa ha messo in rilievo l’aumento considerevole della produzione industriale a gennaio: +2,9% su base annuale. È il massimo risultato dal febbraio del 2016. Le industrie della trasformazione hanno ottenuto addirittura un risultato maggiore: +4,7% rispetto al primo mese del 2017. Tuttavia, il Ministero dello Sviluppo Economico ha sostenuto che questo aumento è stato condizionato da alcuni fattori provvisori. Per questo motivo il Ministero ha affermato che a gennaio la produzione industriale è aumentata del 2% su base annua – (Kom-t del 16.02, pag.2 – “Il Monitoraggio”; Expert № 8 del 19.02, pag.4; Vedomosti del 20.02, p.4, ecc).
  Kommersant (19.02, pag.7) e Vedomosti (20.02, pag.7) hanno brevemente analizzato i processi legati alla creazione dell’“economia digitale” in Russia. A parere dell’esperto di Kommersant, “ la digitalizzazione dei servizi e delle attività statali procede molto più rapidamente della digitalizzazione dell’operato della comunità imprenditoriale”.

* Settori e mercati:

  Durante il “Forum panrusso per gli investimenti” di Soci i convenuti hanno sollevato anche molte problematiche sociali, comprese quelle legate alla Sanità. Il quotidiano Izvestia (19.02, pag.1 e 6: link) ha chiesto al Ministro della Sanità Veronica Skvortsova di approfondire la discussione iniziata a Soci con vari esempi reali e le sue riflessioni. Nell’ampia intervista la Skvortsova ha illustrato alcuni progetti d’investimento nella medicina russa, ha parlato dell’ammodernamento degli ospedali e dei poliambulatori per l’infanzia, ecc. A questo punto segnalo Kommersant che in alcune recenti edizioni ha descritto le tendenze del mercato farmaceutico – (il consolidamento delle forniture gratuite dei preparati ai malati di HIV, epatite, tubercolosi, ecc – 16.02, l’intera pagina 13), ha commentato la dinamica delle vendite di medicinali nel 2017, rilevando la mancanza del rincaro della maggior parte dei farmaci (13.02, pag.2 – “Il Monitoraggio) e ha descritto la preoccupazione delle compagnie farmaceutiche e delle catene di farmacie, relativa ai termini ravvicinati dell’introduzione della marchiatura elettronica dei medicinali (15.02, pag.2).
  Negli ultimi giorni i quotidiani hanno prestato molta attenzione al 25o anniversario del gruppo Gazprom. Il 17 febbraio 1993 il consorzio statale è stato trasformato in una SpA russa (РАО). Dal 1993 l’export di Gazprom è cresciuto di circa 1,9 volte; negli ultimi 3 anni la compagnia ha aumentato del 30% le sue esportazioni. Attualmente la società sta sviluppando vari centri di produzione e costruendo i grandi gasdotti “Turkish Stream”, “Nord Stream-2” e “Forza della Siberia” (di quest’ultimo gasdotto sono già stati costruiti oltre 1.520 km), ecc. Allo stesso tempo alcuni giornali hanno insistito sulla “necessità di demonopolizzare l’attuale Gazprom” – (Nezavisimaja gazeta del 14.02, pag.3; RG del 16.02, pag.5; Izvestia, pag.2, e RG, pag.2, del 19 febbraio; ecc).
  Alcuni specialisti hanno previsto che quest’anno la Russia potrà esportare 36,8 mln di ton di frumento. In tal modo la FR potrebbe superare il record mondiale degli USA che nell’annata agricola 2010- 2011 hanno esportato 36,1 mln di ton. Il Ministero dell’Agricoltura ha comunicato che l’export di frumento costituirà 35 mln di ton, ovvero il 37% in più rispetto all’annata 2016-2017. Al 7 febbraio sono stati esportati 24,5 mln di ton di frumento – (Kom-t del 19.02, pag.10). Segnalo inoltre che l’anno scorso la Russia ha fortemente aumentato la produzione di mangimi per animali, totalizzando 37,6 mln di ton. Grazie a questo avanzamento la Russia è salita dal settimo al quarto posto del relativo rating mondiale – (RG di oggi 20.02, pag.11).
  Aleksandr Shirov, vicedirettore dell’“Istituto scientifico delle previsioni economiche” presso l’Accademia delle scienze, ha scritto un articolo per il giornale governativo RG (19.02, pag.7) in cui ha evidenziato come l’ammodernamento delle aziende del settore industriale militare possa ampliare il loro potenziale di esportazione. Secondo i suoi calcoli, “ogni rublo proveniente dall’aumento della produzione nel settore industriale militare fa nascere 80 copechi di redditi aggiuntivi nell’economia generale”.
  Nel suo commento scritto per Vedomosti (15.02, p.7 – link) il viceministro dell’Industria e del Commercio Vasilij Os’makov ha concentrato la sua attenzione sull’importanza della diversificazione dei prodotti delle aziende industriali militari. Lo stesso Vedomosti ha analizzato la correlazione tra la diminuzione delle spese federali per la difesa e un rallentamento dell’industria (15.02, pag.4) e ha illustrato molti parametri del contratto tra il Ministero russo della Difesa e il gruppo industriale “Uralvagonzavod”, relativo alle forniture di carri armati, di macchine blindate, ecc., negli anni 2018-2019. Il totale del contratto si aggira sui 24 mld di rubli (circa 300 mln di euro al cambio attuale) – (20.02, pag.3 – link).
  RBK, pag.1, 12 e 13, ed Expert № 8, pag.5 del 19 febbraio, Vedomosti, pag.11, e gli altri giornali del 20.02 hanno cercato di capire, perché Serghej Galitskij, proprietario di “Magnit”, seconda catena di grande distrubuzione di alimentari in Russia, abbia venduto il 29,1% delle sue azioni societarie per 138 mld di rubli? E perché queste azioni sono state acquistate dalla banca statale VTB? Per ora si sa che Galitskij (è anche titolare della squadra “Krasnodar” della Serie “A” russa) dispone ancora del 3% delle azioni e che vorrebbe occuparsi…di calcio giovanile.
  Lo scorso anno i russi hanno speso nei locali della ristorazione 1.400 mld di rubli (circa 20 mld di euro), ovvero il 2,5% in più rispetto al 2016. RG di oggi (20.02, pag.11 – link) ha fatto un’analisi della dinamica del settore negli ultimi 4 anni e dei fattori che hanno consentito al mercato di passare da un calo durato oltre 2 anni ad una crescita che speriamo continuerà negli anni futuri.
  Negli ultimi giorni la stampa ha riferito sulla situazione e le prospettive:
– del settore alberghiero – (Expert № 7 del 12.02, pag.32-34, e Kom-t del 13.02, p.10 – link);
– della stazione radio acquisita dal cantante e imprenditore Emin Agalarov, della holding “Scegli la tua radio” di Ivan Tavrin e del mercato televisivo a pagamento – (Kom-t del 7.02, p.10; RBK del 16.02, pag.1 e 12-13; Kom-t del 20 febbraio, pag.8);
– del mercato russo dei vini: lo scorso anno l’import di vini verso la Russia è aumentato di circa il 40% e ha raggiunto 244,4 mln di litri; la Georgia ha occupato il terzo posto nella TOP-10 degli importatori di vini in Russia – (RBK del 19.02, pag.10 – link).

Finanza, fisco, dogana, leggi, settore assicurativo

•  Expert (№ 8 del 19.02, pag.72- link) in una breve analisi della situazione attuale del sistema bancario russo ha rilevato che “i ritmi di crescita del volume degli attivi bancari per il secondo anno consecutivo sono inferiori ai ritmi di crescita dell’economia russa in generale”. Dall’altro lato, nel 2017 gli attivi bancari sono aumentati del 9%, il totale dei crediti concessi alle persone fisiche è incrementato del 13,2% e il totale dei crediti concessi alle corporazioni è cresciuto del 3,7% (su base annua).
  Il settimanale ha evidenziato inoltre che il prezzo del petrolio in rubli è tornato ad un livello molto confortevole per il Bilancio federale: 3.850 rubli al barile. La conservazione di tale prezzo, a parere dell’analista di Expert, “assicurerà nel primo semestre di quest’anno un accumulo di certe riserve finanziarie per il Bilancio federale”.
•   Profil (№ 6 del 19.02, pag.45-49) ha descritto la dinamica del mercato dell’assicurazione del patrimonio e dei beni delle persone giuridiche. L’autore dell’articolo ha inoltre azzardato fare alcune previsioni per l’intero anno 2018.
•   L’Agenzia federale per l’assicurazione dei depositi bancari ha informato il quotidiano RG di oggi (20.02, pag.5 – link) che il volume dei pagamenti assicurativi ai depositanti delle banche fallite nel 2017 è diminuito da 568 a 404 mld di rubli. Lo scorso anno il numero di casi assicurativi è calato da 88 a 41, ovvero è dimezzato rispetto al precedente anno 2016.
•   Lo stesso RG di oggi (20.02, pag.5) ha messo in evidenza come i russi agiati cambiano la loro strategia di risparmo: attualmente preferiscono più spesso la gestione azionaria delle fideiussioni ai depositi bancari. In un anno il mercato della suddetta gestione è aumentato del 17%, raggiungendo 6.200 mld di rubli.
•   Profil № 6 del 19.02, pag.7, ha riferito che i top-manager di Sberbank hanno ricevuto vari bonus per il 2017 per un totale di 5,1 mld di rubli, ossia il 42,2% in più rispetto al 2016.

Russia – Italia

  In conclusione segnalo con piacere il supplemento di 56 pagine “Stile.Uomo” a Kommersant di oggi 20 febbraio. Soprattutto, perché nel supplemento ci sono (pag.10-18) informazioni dettagliate sull’attività di molte compagnie e imprese italiane: Loro Piana, Ermenegildo Zegna, Barret, Geox Cuoio, No One, ecc.
  Segnalo con grande piacere anche l’intervista (pag.42-43- link) ad Aimone di Savoia Aosta, principe e direttore generale della compagnia Pirelli Tyres. Alla fine di gennaio gli è stato assegnato l’Ordine dell’Amicizia per il suo contributo al rafforzamento della collaborazione tra l’Italia e la Federazione Russa, dove ha vissuto già metà dei suoi 50 anni.

 Cari lettori, grazie per l’attenzione.
La prossima rassegna sarà editata e trasmessa
a tutti voi che ci seguite, giovedì 22 febbraio,
poiché venerdì 23.02 la Russia celebrerà
la festa nazionale della Giornata del Difensore della Patria. 

Cordiali saluti.
A cura di Valerij Shvetsov
in collaborazione con Anita Mengon
e-mail: [email protected]
Telefono – cell: +7 (916) 531-04-45