Eventi, problematiche e dati statistici generali

•   Martedì (17.04) il premier Dmitrij Medvedev ha presieduto un incontro, al quale hanno partecipato i suoi vice, i ministri responsabili per lo stato produttivo e finanziario dell’economia, e alcuni membri dell’Ufficio di presidenza dell’Unione Russa degli Industriali e degli Imprenditori (RSPP in russo, una struttura simile a Confindustria). I convenuti hanno discusso le diverse problematiche sorte recentemente in seguito alle nuove sanzioni americane contro la Russia. Alla vigilia dell’incontro la RSPP ha chiamato tutti i suoi soci e la comunità imprenditoriale ad appoggiare le compagnie e i singoli cittadini sottoposti a varie limitazioni e restrizioni da parte degli USA. L’Unione ha sottolineato che “le sanzioni, infondate e immotivate, creano dei rischi per lo sviluppo del business privato in Russia e per la sua quota percentuale nella struttura dell’economia nazionale”.
  Il presidente del CdM Medvedev ha promesso di aiutare le compagnie danneggiate a “conservare produzione e posti di lavoro e a trasformare le misure di sostegno in misure di sviluppo e crescita per queste compagnie”. Alexandr Shokhin, presidente della RSPP, ha proposto alle autorità di istituire un organo speciale che dovrebbe selezionare e determinare diversi modi e modalità di sostegno alle grandi società punite dalle suddette sanzioni – (Rossijskaja gazeta (RG), pag.2, e Kommersant (Kom-t) del 19 aprile, pag.2).
•   Natal’ja Ivanova, accademico in economia e primo vicedirettore dell’“Istituto scientifico Evghenij Primakov”, ha sostenuto che attualmente la Russia dovrebbe ampliare le relazioni economiche con l’Europa e non elaborare cosiddette “misure di risposta” alle sanzioni statunitensi. Nell’ampia intervista rilasciata al quotidiano governativo RG (19.04, pag.5 – link) la scienziata ha evidenziato le risorse necessarie per la realizzazione di questo obiettivo.
•   Il Segretario generale dell’OSCE ha scritto un articolo speciale per il quotidiano Kommersant (17.04, pag.6 – link). Thomas Greminger ha proposto diverse misure finalizzate a “scongiurare il grande conflitto in Europa”. A suo parere, adesso prima di tutto è necessario ripristinare un dialogo permanente tra le diverse parti, “sarà meglio per tutti se riusciremo a cominciare un dialogo strutturato nell’ambito dell’OSCE”.
•   L’86% dei russi intervistati dai ricercatori del “Centro sociologico Levada” ha dichiarato di “non essere disposto a partecipare alle manifestazioni di protesta”, prima di tutto alle azioni di carattere politico. Allo stesso tempo il 17% degli intervistati (il 23% a dicembre del 2017) ha ammesso la possibilità di alcune azioni di protesta legate al calo del tenore di vita, alla protezione dell’ambiente e alla difesa dei diritti umani. Tra i problemi sociali ed economici che possono provocare qualche protesta, gli specialisti hanno nominato anche il problema della povertà.
  Dai dati del Servizio statistico federale (Rosstat), relativi alla dinamica del quantitativo degli indigenti nel decennio 2007-2017, si ricava il suo calo nei primi 5 anni da 18,8 mln a 15,4 milioni di persone con redditi inferiori al minimo di sopravvivenza e pari a 3.847 e a 6.510 rubli al mese. Nel secondo quinquennio (2013- 2017), però, il totale ufficiale dei poveri in Russia è cresciuto da 15,5 mln di persone (nel 2013) a 21,1 milioni di persone con un reddito mensile di 10.329 rubli nel secondo trimestre del 2017. Dal prossimo 1° maggio il salario minimo mensile aumenterà a 11.163 rubli. A parere del Ministro del lavoro Maxim Topilin, questo e alcuni altri provvedimenti “aiuteranno a risolvere, almeno in modo formale, il problema dei “poveri che lavorano”. Nei prossimi 6 anni – su indicazione del Capo dello Stato – il numero dei poveri dovrà essere dimezzato.
  Nell’intervista a RG (19.04, p.1-2: link) il sindaco di Mosca Serghei Sobjanin ha raccontato di come il governo locale sta cercando di risolvere il suddetto problema, ampliando la gamma di sussidi e pagamenti sociali e aumentando i loro importi – (RBK del 16.04, pag.5; Vedomosti del 17.04, p.6, e del 19.04, pag.7).
•   Domenica 22 aprile circa un miliardo di persone parteciperà alle numerose manifestazioni, lavori, incontri e comizi che si terranno nell’ambito della Giornata Internazionale della Terra. Il loro scopo sarà quello di richiamare l’attenzione dei popoli all’uso spropositato di materie plastiche nocive con l’obiettivo di diminuirlo notevolmente nei prossimi anni – (le agenzie d’informazione; Metro del 19.04, pag.1, 6 e 11, e gli altri giornali degli ultimi giorni, link).

Economia

* Situazione generale:

  Il Rosstat ha reso noto che nei primi 3 mesi di quest’anno la produzione industriale è aumentata dell’1,9%: a gennaio +2,9% (su base annuale) e solamente +1% a marzo. Alla fine del trimestre la dinamica positiva della produzione industriale è stata assicurata dai settori energetici e “favorita” dalle temperature molto basse nel Paese. Le industrie della trasformazione, invece, hanno diminuito la produzione a causa del grande freddo e del numero inferiore di giornate lavorative. Gli analisti hanno messo in evidenza inoltre “la mancanza dei fattori fondamentali di una considerevole crescita dei settori industriali” – Kommersant del 17.04, pag.2. Nell’edizione del 19 aprile (pag.2 – link) lo stesso giornale ha rivelato che nel primo trimestre i redditi reali della popolazione sono aumentati dello 0,9% sulla base annuale; tuttavia, il loro livello medio mensile “non ha ancora raggiunto gli indici del 2015”. Gli specialisti non hanno accertato un incremento della domanda dei consumi, malgrado un miglioramento delle aspettative della popolazione: i nuclei familiari hanno comperato solamente beni immobili, nonché molte merci e articoli importati.
  L’altro quotidiano economico Vedomosti nell’edizione del 19 aprile ha riferito (pag.11) che attualmente, il Ministero dell’Industria e del Commercio sta prendendo in esame diverse varianti ed alternative del sostegno alle società sottoposte alle sanzioni dalle autorità degli USA. La variante preferibile per la stessa “UC Rusal” (Alluminio russo) del miliardario Oleg Deripasca (in pochi giorni la capitalizzazione di “UC Rusal” è calata da $8,9 mld a $2,75 mld ma negli ultimi giorni i prezzi del metallo sui mercati mondiali sono notevolmente aumentati – Kom-t di oggi 20.04, p.8) è quella degli acquisti statali di prodotti delle compagnie danneggiate.
  Secondo Vedomosti (19.04, p.1 e 4), i deputati della GosDuma (la Camera bassa dell’Assemblea federale) hanno preparato un progetto di legge finalizzato a migliorare il clima d’affari che aiuterà anche le compagnie danneggiate e gli investitori che vorranno uscire dagli attivi societari. Anche la Banca Centrale della FR (BCR) ha confermato che sta preparando varie misure di sostegno e alcune agevolazioni nella legislazione valutaria; inoltre la banca ha ripreso gli acquisti di valute per il Ministero delle Finanze, considerando la stabilizzazione del mercato valutario dopo il crollo della settimana scorsa – (Vedomosti del 19.04, pag.4; Kom-t, pag.2, e RG, pag.4, di oggi 20 aprile).
  Il Ministero dell’Agricoltura ha pubblicato una relazione relativa all’esecuzione della “Dottrina della sicurezza alimentare fino al 2020”. Nel documento si rileva che attualmente “la Russia è indipendente dalle importazioni di cereali, carne, olio, zucchero, patate, ecc”. D’altro lato, il fabbisogno dei legumi coltivati in serre viene soddisfatto solamente al 53%. A partire del 21.04 il Ministero aumenterà la concessione di crediti agevolati ai produttori di cereali e farina – (RG del 13.04, pag.3 – link, e di oggi 20.04, pag.2).
  Il Ministero del Lavoro è intervenuto con la proposta di aumentare l’indennità di disoccupazione fino al livello minimo di sopravvivenza, che adesso supera gli 11.000 rubli al mese. Dal 2009 il sussidio ammonta a 850 rubli al mese (il minimo) e a 4.900 rubli (il massimo) e viene erogato, in media, durante 87 giorni. Alcuni esperti hanno avvertito che il suddetto aumento dell’indennità potrebbe portare ad una crescita della disoccupazione ufficiale – (RBK del 18 aprile, pag.8: il servizio è corredato da numerosi dati, cifre e indicatori).
  Agli esperti e agli analisti segnalo RG (18.04, l’intera pag.15) e Vedomosti (19.04, pag.4) che hanno riassunto i risultati e il contenuto delle discussioni durante il 15o Forum Internazionale Economico per gli investimenti di Krasnojarsk (12-14 aprile). Le discussioni più attive sono state dedicate all’idea della sinergia economica delle 3 regioni siberiane.
  I quotidiani RG (pag.4 del 19.04 e pag.2 del 20.04 – link) e Kommersant (il supplemento tematico di 4 pagine) hanno illustrato i principali punti dell’ordine del giorno del Forum Internazionale Economico di Jalta. Hanno messo in risalto la partecipazione di esperti, economisti e scienziati che sono giunti nella Repubblica della Crimea da molte Repubbliche e Regioni della Federazione Russa e da 71 Paesi del mondo.

* Settori e mercati:

  Oggi la rassegna delle pubblicazioni settoriali comincia da una conversazione approfondita dell’inviata del giornale Izvestia (18.04, pag.4-5, link) con il Ministro dell’Industria e del Commercio Denis Manturov. Il titolare di uno dei Dicasteri nevralgici dell’economia russa ha espresso il suo parere relativo alle nuove sanzioni e restrizioni americane, ha illustrato l’attuale situazione di alcune industrie importanti, ha stimato l’esecuzione dei programmi di sostituzione dell’import, ecc.
  Agli analisti e agli esperti segnalo 3 supplementi, a mio parere “molto utili”, diffusi in allegato ai vari giornali durante questa settimana: l’inserto di 16 pagine “L’economia digitalizzata” di RBK del 18.04, nonché i due supplementi “I trasporti e la logistica” a RG del 17.04 (pag.A1-A4) e a RBK del 18 aprile (pag.1-8).
  Durante l’ultima settimana la stampa ha prestato grande attenzione all’industria e al mercato automobilistico. Molti giornali hanno finalmente constatato l’ultimazione del progetto “Kortezh” (Corteo): è stato avviato su indicazione del Capo dello Stato nel 2012 e adesso è stato reso noto che il Presidente Putin comincerà ad usare 4 nuove automobili speciali e di lusso dopo il suo insediamento al Cremlino, fissato al prossimo 7 maggio – (Izvestia del 18.04, p.2 – link, ecc).
  Il settimanale Profil (№ 14 del 16.04, pag.42-45) ha pubblicato un’analisi dettagliata dell’avanzamento continuo del settore degli autoveicoli commerciali: lo scorso anno le vendite di LCV (fino a 3,5 ton) sono aumentate del 17% (su base annuale) e dei camion del 50%. La produzione di LCV è cresciuta del 5,4% e ha raggiunto 123.400 unità. Lo scorso anno il mercato russo delle automobili è aumentato del 12,4% e ha occupato il quinto posto in Europa. La percentuale delle autovetture assemblate in loco, ovvero in Russia, è salita all’86%.
  Il governo ha già preso la decisione di aumentare i vari sussidi e il sostegno finanziario all’industria automobilistica, in particolare qui la Russia ha scelto una sua “via originale, ovvero non alle auto elettriche ma a quelle ibride, con motori a benzina e a gas – (RG, pag.2 e 4, e Kom-t, pp.1 e 9- link, del 19 aprile). Nella stessa edizione di giovedì Kommersant ha pubblicato (pag.11 – link) un’approfondita intervista a Oleg Moseev, presidente dell’Associazione “Dealer russi del settore automobilistico”, fondata nel 1994. Dall’intervista risulta che le recenti sanzioni americane hanno avuto effetti negativi e … positivi sull’attività dell’Associazione.
  Infine, segnalo che la compagnia Renault ha trovato un nuovo presidente per il gruppo AvtoVAZ in Romania. Molti giornali hanno riportato la comunicazione dei due principali proprietari della società automobilistica (la corporazione “Rostekh” e la “Renault” controllano attualmente l’83,5% delle azioni di AvtoVAZ): il nuovo dirigente si chiama Iv Karaskatzanis e comincerà la sua attività a Togliattigrad a partire dal prossimo primo giugno – (vedi, ad esempio, Vedomosti del 17.04, pag.10).
  “Il WiFi morirà molto presto” – con questo emblematico triste titolo Vedomosti (17.04, pag.8-9) ha pubblicato l’ampia conversazione con Vasil’ Lazanich, ucraino di 46 anni. Il nuovo direttore generale della SpA pubblica “Vympelcom” (Beeline) ha illustrato l’attività della sua compagnia (l’anno scorso ha fatturato circa 328 mld di rubli, l’utile netto è di 7,5 mld) e ha caratterizzato lo stato attuale e i problemi del mercato russo della telefonia mobile.
  Negli ultimi giorni la stampa ha descritto inoltre i seguenti settori e mercati:
– l’industria ittica aspetta una ripartizione delle quote di pesca – (Kom-t; 13.04, p.10);
– la produzione di gioielli: è in crisi da 4 anni consecutivi – (RG del 13.04, p.5 – link);
– la sanità: negli anni 2012-2016 gli investimenti nel capitale di base del settore sono diminuiti del 50% considerando l’inflazione; diminuisce la mortalità provocata da ictus cerebrale; la lottà costante contro l’obesità sempre più diffusa; l’Organizzazione mondiale della Sanità ha enfatizzato la FR per la considerevole diminuzione del consumo di alcol nel 2016 – (un supplemento tematico a Kom-t del 18.04 (pag.13-22) e Kom-t del 19.04, pag.2, la rubrica “Monitoraggio” – link; Profil № 13 del 09.04, pag.20-29; Kom-t di oggi 20.04, pag.2).

Finanza, fisco, dogana, leggi, settore assicurativo

•   Gli specialisti dell’Agenzia internazionale Fitch in una loro indagine hanno accertato che le banche russe supereranno senza difficoltà i problemi legati alle nuove sanzioni americane. I dipendenti delle banche, i depositanti e i mutuatari non saranno danneggiati. A parere degli specialisti dell’agenzia, le sanzioni approvate il 6 aprile contro alcune grandi società russe potrebbero avere effetti negativi soltanto sulla solvibilità di queste società ed aumentare i rischi per le banche che hanno concesso dei crediti alle società in merito – RG del 19.04, pag.1. Gli analisti del giornale governativo RG (18.04 – pag.12: link) hanno previsto un calo dei tassi d’interesse sui depositi bancari che continuerà, come minimo, fino alla fine di quest’anno.
•   Expert (№ 16 del 16.04, pag.48-49) ha messo in evidenza e ha commentato alcune conseguenze dell’aumento del commercio delle azioni americane da parte di alcuni investitori russi. La Borsa di Mosca ha comunicato che comincerà tale commercio a partire del terzo trimestre di quest’anno.
•   La comunità degli assicuratori russi ha stabilito che l’attuale strategia di sviluppo del settore assicurativo “non corrisponde più alla soluzione dei problemi del mercato”. Per questo motivo l’Unione degli assicuratori ha deciso di trovare qualche “appaltatore” in grado di stendere una “versione di mercato” della strategia. In questa saranno prese in considerazione tutte le nuove realtà dell’economia russa e del settore assicurativo – (Kom-t di oggi 20.04, pag.2).
  Vedomosti (17.04, pag.11 – link) ha descritto i tentativi della compagnia d’assicurazione “RESO-garantija” di aumentare il numero dei suoi clienti con un’offerta di sconti pari al 25-45% del costo dell’assicurazione per i clienti di altre società, prima di tutto di “Rosgosstrakh”.
•   Kommersant (18.04, pag.9 – link) ha pubblicato una breve analisi dell’attività del settore del leasing nel 2017, rilevando il contributo apportato al suo avanzamento dai programmi statali di sostegno e dalla diminuzione del tasso d’interesse della Banca Centrale russa. Il quotidiano ha constatato che molti esperti prevedono “un considerevole calo dei ritmi di crescita del mercato del leasing”. Il servizio è corredato da una tabella riassuntiva che comprende le principali informazioni sullo stato e l’attività dei leader del settore. Nell’edizione del 13 aprile lo stesso Kommersant ha messo in evidenza (pag.9) che nel 2017 le compagnie statali hanno speso per la sicurezza d’informazione 56 mld di rubli, ovvero il 35% in più rispetto al 2016.
•   Izvestia (16.04, pag.5) ha “promosso” varie lotterie che ultimamente hanno portato ai fortunati proprietari dei biglietti vincenti oltre 500 mln di rubli. In questi giorni molti giornali hanno descritto i patrimoni “favolosi” dei 200 imprenditori russi più ricchi: i primi 5 dispongono dai $19,1 mld ai $16 mld. Rispetto a queste somme, il reddito annuale dichiarato dalla governatrice della BCR El’vira Nabiullina sembra “uno scherzo”. Però, rimane sempre pari a 33,8 mln di rubli è aumentato del 25,4% rispetto al 2016 – (Kom-t del 19.04, p.8, Metro del 20.04, pag.5, ecc).

Russia – Italia

•   Un gruppo di scrittori russi si trova dal 14 aprile in Italia nelle regioni meridionali, grazie al sostegno finanziario dell’Associazione “Conoscere Eurasia”. Il loro viaggio è stato organizzato in occasione del 150° compleanno del grande scrittore Maxim Gor’kij che nei primi decenni del secolo scorso ha vissuto circa 17 anni a Sorrento, Capri, ecc. Il presidente Antonio Fallico ha rivelato al corrispondente del giornale RG (18.04, p.13) che l’Associazione ogni anno offre varie possibilità per gli incontri ed il dialogo tra italiani e russi. Questa volta gli scrittori russi hanno partecipato alla scelta dei laureati del “Premio letterario della città di Napoli”. Ieri a Napoli è stata presentata una raccolta di lettere del compositore sovietico Dmitrij Shostakovich. A Sorrento gli scrittori russi avranno un incontro con i soci del circolo “Maxim Gor’kij” che continua l’attività dell’“Associazione URSS-Italia”.
•   Natal’ja Opaleva, fondatrice del Museo del noto pittore russo Anatolij Zverev, ha rilasciato un’intervista a Kommersant (18.04, pag.11 – link) in cui ha presentato la propria collezione di opere degli anni ’60 e ha raccontato della preparazione di un’esposizione a Firenze che sarà dedicata al famoso regista Andrej Tarkovskij e al suo film “Solaris”.
•   Ieri (19.04) nella capitale russa è stato inaugurato il 40° Festival cinematografico internazionale di Mosca. È stato inaugurato con la proiezione del film italiano “Napoli velata”.
  La giuria della famosa competizione d’arte cinematografica è presieduta dal produttore italiano Paolo del Brocco – (Nezavisimaja gazeta, pag.7, RG , pag.12, di oggi 20.04, ecc). Molti giornali, ad esempio Weekend № 13 del 20.04, pag.10-17, hanno presentato l’intero programma del Festival o almeno i film considerati più interessanti dai critici d’arte cinematografica. Nell’edizione di oggi il settimanale di Kommersant ha descritto inoltre (pag.26-27) le mostre “Fotobiennale 2018” aperte al Maneggio. La principale mostra presenta l’attività del “classico della fotografia italiana Gianni Berengo Gardina”.
 Cari lettori, grazie per l’attenzione. 

Cordiali saluti.
A cura di Valerij Shvetsov
in collaborazione con Anita Mengon
e-mail: valerio.m@yandex.ru
Telefono – cell: +7 (916) 531-04-45