Comunicato stampa

 

VI BUSINESS FORUM SICILIA-RUSSIA, SAITTA (PRES. CONOSCERE EURASIA SICILIA E ETNA WORLD TRADE): BUROCRAZIA INTERNA FRENA IMPRESE SICILIANE. BASTA CON LUOGO COMUNE SICILIA UGUALE MAFIA.

GALLIA (DIR. REGIONALE SUD INTESA SANPAOLO): QUI CI SONO CAPACITA’ DI ANDARE LONTANO

Catania, 24 aprile 2014. “La burocrazia interna e i numerosi iter autorizzativi sono il freno principale per le  imprese siciliane export oriented. Occorre instaurare il dialogo con gli organi regionali per sostenere le piccole-medie aziende della Sicilia ancora troppo frammentate e sotto dimensionate per essere lasciate sole sul mercato internazionale e su quello russo, in particolare. E’ arrivato il momento di spostare l’asse di attenzione su quest’Isola. La Sicilia non è mafia ma un insieme di eccellenze che meritano di essere promosse e valorizzate”. E’ questo il commento di Luigi Saitta, presidente dell’Associazione Conoscere Eurasia Sicilia e presidente del consorzio Etna World Trade, intervenuto ai lavori del VI Business Forum Sicilia-Russia organizzato dall’Associazione Conoscere Eurasia in collaborazione con Intesa Sanpaolo, Banca Intesa Russia e TechEdge, in corso oggi a Catania.

Sulla necessità di sostenere l’internazionalizzazione delle imprese siciliane anche Franco Gallia direttore regionale Sud Intesa Sanpaolo ha ribadito  che “La Sicilia e il Mezzogiorno hanno al loro interno imprese e comparti di forte radicamento e con grandi capacità di andare lontano che vanno sostenute e supportate perché rappresentano l’espressione di quella imprenditorialità, spesso giovane e determinata, che è sempre più presente sul territorio”.

Contatti:

Benny Lonardi (direzione@agenziaintercom.it; 3346049450)

US Associazione Conoscere Eurasia

Giovanni La Barbera (giovanni.labarbera@intesasanpaolo.com; 3357438262)

US Intesa Sanpaolo Centro Sud